I mesi sono volati chiusi nelle nostre case, nell’attesa come bozzoli o larve.

Strana esperienza questo virus che all’inizio ci ha raggelati come pezzi di ghiaccio, la mente e il corpo si sono ritrovati in balia di pensieri così fantascientifici da rendere i giorni talmente strani e a volte angosciosi e tristi. Ma poi guardando dalla finestra la natura o un angolo di cielo o un gatto  e anche noi riflessi in qualche specchio, ecco una luce nuova di speranza, il mondo scolorito ora si colora di nuovo, ognuno reagisce pregando, scoprendo di essere ancora più ateo oppure entrando nel suo io più profondo. Una rinascita per tutti che costruita bene porterà nuova luce nelle nostre vite.