Ho potuto conoscere ad una conferenza a Milano il poeta Nicola Gardini, durante la presentazione del suo libro di poesie intitolato: “Stamattina”.

Un titolo molto bello: STA_MAT_TI_NA. Un titolo che suona, che trilla come una sveglia. Sicuramente Gardini  è un uomo  acculturato, si nota solo nella ricerca del titolo. Scrittore, latinista, pittore, autore di romanzi e raccolte di poesie.

La  poesia   che dà il titolo al libro è veramente molto bella, ti porta a vivere la stessa emozione del poeta, della sua attesa, dei suoi ricordi.  Sembra di trovarsi nella sua stanza, Trovo le le sue poesie  molto suggestive. Un grande poeta contemporaneo che ammiro. Ultimamente  ho potuto vedere su facebook un suo dipinto, di una incredibile profondità che fa da sfondo a una poesia o è la poesia che fa da sfondo al dipinto? Due elementi poesia e dipinto che si rappresentano con parole e colori.

Non che i poeti debbano essere¬† tutti acculturati, la poesia √® bella sempre, anche nella sua semplicit√†. Anche se non √® studiata: pu√≤ essere di getto, ispirata. L’importante che trasmetta emozioni, la poesia √® un dono.

E nessuno mi dica che Leopardi era pessimista, non lo accetto, per me era realista, della sua situazione, la malattia…Ma del grande Leopardi¬† parler√≤ un’altra volta. Per ora consiglio di leggere poesie come fossero una medicina, di cui l’anima¬† ha bisogno. E il sentimento dell’amore fa da fulcro a un perno attorniato da farfalle, come quelle che ti svolazzano nello stomaco quando sei innamorato.ūüíēūüíēūüíē